mercoledì 5 novembre 2014


Nonostante un 2014 che sta vedendo la consacrazione dello scalo ibleo che quest’anno supererà abbondantemente i 300 000 pax e che registra ottime percentuali di riempimento su tutti i voli, persino quando hanno prezzi poco concorrenziali come spesso succede sul Milano Linate di Alitalia, l'Aeroporto di Comiso non può più attendere ulteriori ritardi in merito a nuove tratte nazionali ed internazionali.

La stagione 2015 che verrà rimane ancora un'incognita. Si avverte infatti un silenzio assordante attorno a questa importante struttura che sta dando a molti operatori del settore turistico “ampio respiro” anche al di fuori dei 3-4 mesi del periodo estivo. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: Marina di Ragusa, Scoglitti, Ragusa Ibla, Scicli, Modica, hanno visto e vedono molte più presenze turistiche e fino a poche settimane fa il litorale ibleo risultava pieno di turisti provenienti da Lituania o dall'Irlanda, mentre continuano a vedersi turisti provenienti dalla Germania e dal Regno Unito. Chissà cosa li ha portati a scegliere la provincia iblea? Dovrebbero chiedersi i Sindaci.

La domanda nasce spontanea: dove è finita la tanto decantata Holding dei comuni annunciata subito dopo l’elezione a Sindaco di Spataro? e cosa sta facendo il sindaco di Ragusa Federico Piccitto che prima di ergersi a Sindaco era uno dei più attivi sulla causa del nostro Aeroporto? Stessa cosa valga per Vittoria, Santa Croce, Chiaramonte, Modica e Scicli. Tutti i comuni (soprattutto Ragusa) , hanno introitato quest’anno una ben più cospicua cifra derivante dalla tassa di soggiorno grazie all’aeroporto e adesso ci si chiede cosa aspettino a riunirsi e programmare insieme alla Soaco la Summer 2015! I sindaci sanno che comuni come Erice e Marsala danno all’aeroporto di Trapani somme in denaro cospicue per incentivare i voli e che ciò provoca grandi ricadute economiche in termini turistici sul loro territorio?
La grande opportunità per la provincia iblea è adesso, ora o mai più cari sindaci o migliaia di giovani saranno costretti a fare le valigie.








0 commenti:

Posta un commento