sabato 18 luglio 2015

Quello che sta accadendo dall'altro capo della Sicilia è davvero surreale. Brevemente, tutti i sindaci della Provincia di Trapani hanno sottoscritto un accordo attraverso cui si sarebbe intrapresa una azione di co-marcketing volta a finanziare la compagnia low cost (che opera anche a Comiso)
Ryanair. La quota da versare è 2.225.000 euro all’anno per 3 anni da pagare attraverso 4 rate all'anno. Nel 2015, le prime due non sono state pagate e in più mancano all'appello circa 200 mila euro relative al 2014. Il Presidente della CamCom Trapani, Pino Pace, che ha svolto un ruolo fondamentale di coordinazione tra i Sindaci della Provincia si è dimesso restando a disposizione in caso di necessità nell'attesa che un sostituto venisse trovato. Ryanair dal canto suo, vedendo un accordo non rispettato ha detto chiaramente che la situazione non può più protrarsi. Ora, noi, che pure viviamo dall'altro capo della Sicilia rispetto a Trapani (Birgi) siamo pienamente consapevoli del ruolo strategico che può svolgere una infrastruttura come un aeroporto soprattutto in luoghi, come la Provincia di Ragusa, che non hanno un metro di autostrada e ci rendiamo perfettamente conto di cosa voglia dire l'abbandono di Ryanair per Trapani. Proprio per questo motivo corre l'obbligo di auspicare, per quel che possa valere, la risoluzione del periodo di crisi in modo da ritornare al più presto ad una condizione di normalità. Tuttavia, oltre l'auspicio c'è la realtà ed essa potrebbe andare a sfavore di Trapani e, forse, a favore di Comiso. Ipotizzare un lento abbandono di Birgi e, di conseguenza, la presenza di aerei liberi da poter impiegare in altro modo, in altri aeroporti, comincia ad essere molto probabile. Comiso, come anche Catania, che non vede una nuova rotta da quasi un anno e mezzo, su due e mezzo di apertura, potrebbe essere certamente un aeroporto meritevole di importanti attenzioni da parte della low cost irlandese. Un raddoppio delle frequenze sulla direttrice per Roma FCO è mandatorio, come anche per Pisa che viaggia con percentuali di riempimento altissime anche perchè rappresenta l'unico modo per l'intera Sicilia Orientale di viaggiare low cost verso la città toscana. Nuove rotte, come Milano Bergamo Orio al Serio, Torino (che ancora compaiono nel menù a tendina Ryanair alla voce Comiso dal 4 Giugno scorso e che non sono state eliminate a differenza di Bologna), Bologna e Venezia sarebbero nazionali di sicuro successo soprattutto per colossi come Ryanair. Intanto proprio Lunedì 20 Luglio si terrà alla CamCom Ragusa una conferenza stampa indetta dal Presidente Peppino Giannone, alla quale parteciperanno i Presidenti ed A.D. Sac e Soaco ed alla quale prenderanno parte i Sindaci di Ragusa e Comiso, che dovrebbe avere come tema principale il Piano Industriale delle due società e chissà qualche accenno alla crisi trapanese che si sta consumando in questi giorni e che, forse, nell'arco di una settimana, potrebbe giungere al suo epilogo peggiore.


0 commenti:

Posta un commento