venerdì 4 marzo 2016

Si è tenuta questa mattina nei locali dell’Aeroporto di Comiso “Pio LaTorre”, la conferenza stampa di presentazione dei voli per la stagione estiva 2016. Noi di FlyComiso eravamo presenti e con i mezzi non professionali di cui ci siamo dotati, abbiamo cercato di mandare in diretta streaming tutto l’evento riuscendo a concludere con delle interviste delle quali vi daremo conto più avanti. Oltre i numerosi operatori turistici presenti alla conferenza, hanno fatto gli onori di casa il Presidente Soaco Rosario Dibennardo, l’AD Enzo Taverniti e il Direttore Commerciale Dott. Paolo Dierna per Soaco, il Sindaco di Comiso Filippo Spataro e per Tourgest Lilli Porretto. Il primo a prendere parola è stato proprio il Presidente Soaco Dibennardo che, dopo i saluti di rito, ha illustrato agli operatori presenti in sala, i numeri, tutti in crescita del “Pio LaTorre” sia del passato 2015 come anche dei primi mesi del 2016. Nonostante la cancellazione di Ryanair di 3 voli su 7 su Roma Fiumicino, Dibennardo, come successivamente ha fatto Dierna tramite l’ausilio di slides con i numeri specifici, ha precisato che con l’apertura del volo da/per Milano Malpensa, con l’inizio dei voli da/per Dusseldorf Weeze e con l’aggiunta del quinto volo settimanale da/per Pisa, che sarà il Martedì a Maggio e Giugno, Ryanair ha nettamente aumentato il proprio impegno su
Comiso destituendo quindi di ogni fondamento notizie secondo cui invece, la compagnia low cost irlandese, stia progressivamente abbandonando lo scalo comisano per spostarsi altrove. Il secondo a prendere parola è stato il Sindaco Spataro che ha tenuto rinforzare i concetti già espressi dal precedente relatore consapevole dell’importanza strategica dell’aeroporto stesso per tutta la provincia iblea e per il suo turismo. Successivamente ha preso parola l’AD Taverniti che ha invece voluto rivolgere un accorato appello agli operatori presenti spiegando che non solo c’è bisogno dell’aeroporto di Comiso per incrementare, come d'altronde è già stato, i flussi turistici nel territorio, ma lo stesso aeroporto ha bisogno degli operatori per incrementare i propri flussi di passeggeri e quindi di movimenti puntando cosi al raggiungimento dei 500 mila passeggeri entro il 2016 e ad un maggiore guadagno di Soaco.   Per Soaco è poi intervenuto il Direttore Commerciale Paolo Dierna che, slides alla mano, ha dimostrato come e quanto sia cresciuto l’Aeroporto di Comiso dal 2014 al 2015 e quindi ai primi mesi del 2016 analizzando sia il numero di posti messi a disposizione di Ryanair con tutte le rotte offerte a Comiso, che hanno subito dal 2015 al 2016 un incremento del 37% passando dai 207900 del 2015 ai 285768 del 2016 incrementando dunque anche il numero di movimenti a settimana che passeranno da 19 a 26. Dierna si è occupato anche di Alitalia che, come sappiamo, ha ridotto durante questo inverno, i voli da/per Milano Linate da 3 a 2 a settimana spiegando che, certamente, l’ingresso di Ryanair sulla Milano Malpensa avrà avuto un peso ma che per una compagnia major come Alitalia, tassi di riempimento dei voli che si aggirano sul 70%, sono tassi più che sufficienti e che pertanto con opportune interlocuzioni, si possa mirare al ripristino del trisettimanale e, ci auguriamo, a qualcosa di più. Oltre questi dati, Dierna ha spiegato che se nel 2015 il numero totale di voli è stato di 1729 che hanno trasportato 344255 passeggeri di linea e 28000 passeggeri charter, nel 2016 i passeggeri totali, come detto, arriveranno a 500 mila e che i passeggeri charter raddoppieranno raggiungendo quasi le 60 mila presenze. Tra i charter illustrati durante la conferenza, dopo i classici e ormai consolidati voli operati

da Transavia da Parigi OrlyLione e Marsiglia e quelli da Ginevra, alcuni, non ancora contrattualizzati, arriveranno a Comiso, come quelli da StoccolmaMaltaTunisiPragaIsraele e Varsavia. Infine, ha preso parola per Tourgest Lilli Porretto che ricordando i voli organizzati dalla propria attività da/per Parma e Bergamo che saranno sia charter, quindi facenti parte di un pacchetto turistico vero e proprio, sia di linea come quindi un qualunque altro tipo di volo, ha esortato a sua volta gli operatori del settore ad investire non solo sui propri voli ma sul territorio, poiché in assenza della risposta del territorio, che deve essere forte, decisa, il passeggero che atterra o parte da Comiso si troverebbe in difficoltà e, aggiungiamo noi, non ci sarebbe peggiore pubblicità del passaparola di un turista insoddisfatto e deluso. Terminata la conferenza, abbiamo avuto l’occasione di porgere qualche domanda ai principali protagonisti dell’evento odierno. Al Presidente Dibennardo, che ringraziamo per la consueta disponibilità a rispondere ai nostri microfoni, abbiamo chiesto le proprie impressioni sull’andamento dell’Aeroporto e, dopo aver ribadito, numeri alla mano, che Comiso cresce, ha tenuto a precisare anche che la quota dei 500 mila passeggeri previsti per il 2016 non comprende ancora i passeggeri delle rotte che verranno messe a bando quando l’Unione Europea darà il proprio parere e che, dunque, i passeggeri del 2016 potrebbero anche abbondantemente superare le 500 mila unità. Anche l’AD, Ingegnere Taverniti non ha esitato a rispondere alle nostre domande. All’AD abbiamo chiesto se ci fossero dei lavori imminenti da iniziare a carico dell’aerostazione visto l’incremento di passeggeri e la sua risposta è stata molto chiara. Ci ha infatti spiegato che per i lavori già progettati servono le autorizzazioni dell’ENAC ed autorizzazioni edilizie che in parte sono già state concesse. I lavori verteranno principalmente ad ampliare l’area degli arrivi che passerà dai 300 passeggeri attuali ai 1000 passeggeri l’ora e di spostare le partenze al secondo piano dell’aerostazione con non pochi lavori da eseguire che potrebbero però iniziare già verso la fine del 2016. Infine, anche Lilli Porretto, per Tourgest, ha detto ai nostri microfoni di essere molto contenta e soddisfatta dei nuovi voli da/per Parma e Bergamo spiegando anche che sono in corso interlocuzioni a più livelli per cercare di incrementare il periodo dei voli che quindi potrebbe arrivare anche oltre il mese di Ottobre e che c’è l’intenzione di iniziare a lavorare su nuove mete, al momento però, oggetto di discussione su cui nessuno si è chiaramente voluto soffermare.



0 commenti:

Posta un commento