martedì 1 marzo 2016


Come di consueto, noi di FlyComiso ci ritroviamo alla fine di ogni mese a tirare le somme dei passeggeri e ad analizzare, anche se non da esperti del campo, l’andamento dell’Aeroporto di Comiso. Ricordiamo però che tutti i dati che forniamo sono frutto di nostri studi che nulla hanno a che fare con Soaco e che quindi possono essere corretti in ogni momento. 
Prima di esprimere un parere su Febbraio e sull’andamento dell’aeroporto, vi illustriamo i dati in modo specifico per ogni rotta. Febbraio 2016 è terminato registrando il numero di passeggeri più alto mai registrato nello stesso mese dall’apertura ad oggi, cioè con 34070 passeggeri, cioè oltre 11800 in più rispetto a Febbraio 2015, portando a quasi 69 mila i passeggeri totali del 2016 e a ben 830 mila i passeggeri totali dal 2013 ad oggi e le ragioni sono molteplici. Di certo la nuova rotta, partita a Dicembre, da/per Milano Malpensa di Ryanair ha dato i suoi frutti, ma anche senza, con gli stessi voli, Febbraio 2016 avrebbe chiuso con un saldo positivo rispetto all’anno scorso. La prima rotta giornaliera operata da Ryanair a Comiso è quella da/per Roma FCO che ha registrato  8848 passeggeri con un LF (tasso riempimento voli) del’’81%, cioè ben l’11% in più rispetto al passato mese di Gennaio e il 7% in più rispetto a Febbraio 2015 quando il volo era ancora operato sull’aeroporto di Ciampino invece che Fiumicino. Resta ancora, purtroppo, una certezza su questa rotta e cioè la sua riduzione da 7 a 4 voli a settimana. Sicuramente Soaco sarà impegnata in numerose interlocuzioni, ma è mandatorio a  nostro avviso, che venga ripristinata non solo la 

frequenza a giornaliera della rotta, ma che anzi venga aumentata possibilmente inserendo più voli al giorno soprattutto nei giorni in cui non opera Ryanair. Passando adesso alla seconda rotta giornaliera a Comiso, Milano Malpensa ha dominato in assoluto il mese di Febbraio registrando oltre 10080 passeggeri con un LF:92%, l’8% in più rispetto a Gennaio. Nonostante questi numeri da capogiro Ryanair ha lanciato per Ottobre 2016 ben 4 voli al giorno da Malpensa a Catania che andranno in concorrenza diretta con Easyjet, ma anche con Alitalia e Meridiana che operano su Linate. Abbiamo però ragione di credere che, vista l’offerta enorme già presente da ora a Catania per Milano, il traffico della rotta comisana non dovrebbe avere una grande flessione, ma aspettiamo Ottobre per confermare o smentire questa ipotesi.  Per quanto riguarda la terza rotta nazionale di Comiso, sempre targata Ryanair, facciamo riferimento a Pisa che ha chiuso Febbraio con oltre 5750 passeggeri e un LF: 90% in aumento addirittura dell’8% rispetto a Gennaio anche se i passeggeri sono leggermente inferiori e questo è un fenomeno dato non solo dai giorni di Febbraio che sono di meno rispetto a Gennaio ma anche alla quantità inferiore di voli operati che quindi saranno stati più pieni. Per quanto riguarda la prima tra le internazionali, Bruxelles Charleroi ha registrato a Febbraio oltre 2900 passeggeri e un LF: 87% in aumento rispetto a Gennaio del 7%. Francoforte Hahn è rimasta invariata rispetto a Gennaio, chiudendo il mese con 2670 passeggeri e LF: 88%. Un occhio particolare è rivolto a Londra Stansted, ancora al centro di polemiche e paure, poiché al momento non risulta in vendita per la stagione invernale 2016-2017 e ci auguriamo che sia solo una questione di tempo. In ogni caso, questa rotta ha chiuso Febbraio con 5780 passeggeri e LF: 83%, immutato rispetto a Gennaio, ma come sempre attendiamo i dati ufficiali della CAA britannica per confermare o correggere questo dato. Insomma, come anche articoli su testate regionali hanno confermato, Comiso è cresciuto in questi due mesi del 40% nonostante Alitalia abbia ridotto da 3 a 2 i voli su Milano Linate e tutti gli altri voli, ad eccezione del Malpensa, sono identici a quelli dell’anno scorso. Cosa vuol dire? Semplice, a nostro avviso: Comiso è ormai una realtà forte e stabile del comprensorio e chi può, da questa parte della Sicilia, cerca di partire (o arrivare) da Comiso e da ciò deriva l’importanza di avere nuove rotte poiché, anche in virtù della totale assenza di concorrenza, verrebbero sfruttate senza ombra di dubbio.






0 commenti:

Posta un commento