domenica 1 gennaio 2017

BUON ANNO!!

Preferiamo iniziare così questo pezzo, con l’augurio che il 2017 porti serenità e salute a tutti. Noi saremo sempre qui, come abbiamo fatto da poco dopo l’apertura dell’Aeroporto di Comiso ad illustrarvi i suoi risultati, in termini statistici e a combattere con voi e per voi perché sia fatto tutto il possibile e il giusto perché questa infrastruttura fondamentale decolli, sul vero senso della parola. Iniziamo dunque col dirvi che Dicembre 2016 ha registrato 31419. Tutto il 2016 ha invece registrato oltre 460350 passeggeri che sommati a tutti i passeggeri degli anni passati portano il dato totale a 1218665 passeggeri che hanno usufruito dell’Aeroporto degli Iblei di Comiso. Per i più curiosi, ecco un riepilogo dei voli Ryanair andati sold out di tutto l’anno:


Roma FCO – Comiso – Roma FCO: 85 voli sold out
Milano MXP – Comiso – Milano MXP: 136 voli sold out
Pisa – Comiso – Pisa:  60 voli sold out
Londra STN – Comiso – Londra STN: 15 voli sold out
Bruxelles CRL – Comiso – Bruxelles CRL: 38 voli sold out
Francoforte HHN – Comiso – Francoforte HHN: 85 voli sold out
Dusseldorf NRN – Comiso – Dusseldorf NRN: 36 voli sold out
Dublino – Comiso – Dublino: 1 volo sold out

Il totale annuale di tutti i passeggeri che ha volato rotta per rotta è invece il seguente:

(Considerare la frequenza di ogni volo: FCO prima giornaliero, poi 4X, poi 3X per ritornare 4X; MXP giornaliero, PSA prima  4X, poi 3X per ritornare 4X; STN 2X terminato a Ottobre; CRL 2X annuale, HHN 2X annuale; NRN 2X da Aprile a Ottobre; DUB 2X da Giugno a Settembre).


Roma FCO – Comiso – Roma FCO: 78771 passeggeri
Milano MXP – Comiso – Milano MXP: 124959 passeggeri
Pisa – Comiso – Pisa:  72764 passeggeri
Londra STN – Comiso – Londra STN: 59290 passeggeri
Bruxelles CRL – Comiso – Bruxelles CRL: 36242 passeggeri
Francoforte HHN – Comiso – Francoforte HHN: 38086 passeggeri
Dusseldorf NRN – Comiso – Dusseldorf NRN: 20101 passeggeri
Dublino – Comiso – Dublino: 11089 passeggeri

L’incremento del 2016 è tuttavia legato per lo più al volo da/per Milano Malpensa operato da Ryanair e ai voli charter aggiuntivi rispetto agli altri anni che saranno, come abbiamo avuto occasione di dirvi durante l’anno, già in aumento per l’estate 2017 grazie all’apertura di voli per Bruxelles, Francoforte, Amsterdam, Varsavia, Birmingham, Dusseldorf. Saranno voli sia charter sia di linea per cui è già possibile acquistarli regolarmente in base ai posti disponibili per ogni volo e i prezzi sono molto invitanti. Tuttavia, se dal versante charteristico i risultati sono stati tangibili, sul versante dei voli esclusivamente di linea, il 2016 è stato un anno di lacrime e sangue. Si perché Ryanair, ad esempio, ha deciso di eliminare per l’inverno 2016/2017 il volo da/per Londra Stansted, ha ridotto per ben un mese intero due rotte, quella per Roma FCO e Pisa, da quadri settimanale a trisettimanale, lasciando indenni i voli per Malpensa, Bruxelles CRL e Francoforte HHN, e meno male. A causa di questi cali drastici operati arbitrariamente da Ryanair non è stato possibile raggiungere la fatidica soglia dei 500 mila passeggeri in un anno. Ritornando invece al mese di Dicembre appena passato, analizzando rotta per rotta, ecco i risultati:



ROMA FCO:  5894 passeggeri, con LF: 87%, il 2% in meno rispetto al mese di Novembre. Il dato non è in contraddizione con quanto affermato poiché anche se i passeggeri sono in più rispetto a Novembre, lo sono stati anche i posti a disposizione per cui il LF è calato ugualmente, ma in assoluto i passeggeri sono ovviamente di più.


MILANO MXP: 10646 passeggeri con LF: 88% in calo del 2% rispetto a Novembre per gli stessi motivi delle altre rotte.

PISA: 5896 passeggeri con LF: 87%. Dato identico a Roma. Segna però un 5% in meno rispetto a Novembre per i motivi di cui sopra nonostante i passeggeri siano in numero maggiore.

BRUXELLES CRL: 3794 passeggeri con LF: 91%. Unica rotta che ha subito un aumento del 3% rispetto al mese di Novembre.

FRANCOFORTE HHN: 3651 passeggeri con LF: 97%. E’ il tasso di riempimento di una rotta annuale a Comiso più alto mai registrato e soprattutto che si è mantenuto tale per tutto l’anno, dai periodi più trafficati a quelli più poveri di passeggeri. La rotta, a seguito di alcuni voli aggiuntivi previsti da Ryanair per il periodo natalizio perde il 2% rispetto a Novembre 2016.

La sorte del Milano Linate di Alitalia sembra invece segnata. Stop a tutti i voli, due a settimana in verità, che pure hanno avuto ottime percentuali di riempimento considerando la concorrenza di Ryanair con un giornaliero su Malpensa. Questo però non ha spinto l’ex compagnia di bandiera a riflettere in positivo e cosi almeno fino a Maggio i voli da/per Linate saranno sospesi. Vi avevamo parlato di una nuova rotta, da/per Torino probabilmente operata da Alitalia in estate. E’ di pochi giorni fa la notizia che la stessa è stata aperta su Catania. I buchi per aprire su Comiso sono ancora presenti quindi non si può escludere completamente che il volo non verrà operato a Comiso anche se la tendenza resta quella. Nessun’altra compagnia ha voluto durante l’anno partecipare ai bandi con fondi Ex Insicem per l’incentivazione di nuove rotte pubblicati per ben tre volte e tutte e tre andati deserti. E’ altresì vero che in altri scali come Trapani o Reggio Calabria si è verificata la medesima situazione, ma noi qualche domanda ce la siamo posta e se l’è posta anche l’ex Provincia di Ragusa che su input Soaco ha deciso di destinare quei fondi alle modifiche di cui necessita l’aerostazione in vista dell’aumento di passeggeri. Un aumento che però non si vede ne nel breve ne nel lungo periodo. Di chi è la colpa? A nostro avviso ce ne sono tante ma una forse più di tutte: l’instabilità di un consiglio di Amministrazione, Soaco ovviamente, che ha lavorato praticamente per tutto il 2016 in regime di prorogatio. Cosa vuol dire? Semplice, che oggi c’è e domani chissà. E infatti il 30 Dicembre scorso dalle 12:30 in poi nei locali della Sac a Catania si è tenuta la riunione fiume terminata in serata che avrebbe dovuto portare alle nuove nomine del nuovo CDA dando vita ad una nuova stagione. L’unico nome venuto fuori è quello di Salvatore Bocchetti, stimato manager che darà il cambio della guardia al Presidente Rosario Dibennardo. Nulla di fatto invece per il nuovo Amministratore Delegato e i tre consiglieri in quota Sac. Vari nomi in circolazione ma se ne parlerà fra qualche giorno. Nel frattempo le compagnie guardano e investono…su altri aeroporti e Comiso non solo resta a guardare ma si prepara ad una lenta agonia che avrà un unico fine. Non siamo pessimisti, non siamo gufi e desideriamo ovviamente tutto il meglio per questa struttura ma l’obbligo è quello di essere realisti e allora realisticamente parlando, il futuro continuando così non è per nulla roseo. Serve una scossa potentissima per risvegliare animi e passioni e che faccia lavorare tutti senza sosta altrimenti non ci sarà nessun futuro.


0 commenti:

Posta un commento