giovedì 22 febbraio 2018

Ryanair, la più grossa compagnia low cost d’Europa, si sa, di solito fa sempre quello che le pare soprattutto con i piccoli aeroporti. Proprio gli stessi che sono stati i primi a rappresentare gli interessi di Ryanair. Impossibile dimenticare che nel passato uno dei punti di forza degli irlandesi era proprio quello di puntare su scali minori, distanti più o meno dai grossi centri per farci viaggiare con pochi euro. Ma le cose cambiano, continuamente. E cosi da qualche anno a questa parte la politica di Ryanair è cambiata a tal punto che ora sembra fare l’esatto opposto: puntare su grossi scali e abbandonare i minori. Sta accadendo a Trapani dove la situazione non è delle migliori e cominciano ad essere spostati alcuni voli a Palermo, sta accadendo a Comiso dove i voli non vengono spostati ma ridotti in modo più o meno sensato, secondo noi, mentre Catania cresce a dismisura. Sia chiaro, a nostro modo di vedere, nessuna colpa può essere imputata a Sac che nella persona del suo A.D. Torrisi ha sempre manifestato fortissimo interesse a mantenere Comiso in vita e anzi a farlo crescere di più, tuttavia Comiso ha la sua società, Soaco, ed è quella certamente adiuvata da Sac, che deve trattare con le compagnie. E allora accade che Ryanair come sempre in questo periodo inizia a rilasciare le rotte già per la stagione invernale prossima, visto che quella estiva è già in vendita da qualche mese. Proviamo a fare il punto della situazione partendo dall’estate a finire all’inverno. 
 
Dall’estate, cioè a partire dalla fine di Marzo 2018 fino a Novembre, Ryanair attiverà le consuete rotte stagionali che porteranno un grosso incremento di passeggeri a Comiso, ma non basterà. Torneranno Dusseldorf Weeze e Londra Stansted tra le internazionali, mentre estremamente incerto e per certi versi negativo, è il futuro della Dublino – Comiso. Ritorna la frequenza della Domenica del volo da/per Pisa, finalmente. 
 
La politica sulla rotta da/per Roma è davvero incredibile: si, perché se dall’inverno 2017-2018 è stata spostata da Roma Fiumicino a Ciampino, da Marzo si ritorna a Fiumicino, mentre dal prossimo Novembre si ritorna di nuovo a Ciampino. Ma che senso ha tutto questo? A che pro? Davvero, ridiamo per non piangere, ma ci sarebbe tanto altro da dire. 
 
Per esempio, sul volo da/per Milano Malpensa. Era il nostro unico volo giornaliero, la punta di diamante che assicurava in media oltre 10 mila passeggeri mensili con LF (Load Factor, Tassi di Riempimento) che oscillano, persino in mesi di basso traffico come Febbraio, tra il 93 e il 95% e che ha mantenuto Comiso ad un buon livello di passeggeri nel 2017. E però da Novembre Ryanair ha serenamente deciso di eliminare i voli del Martedì e del Mercoledì trasformando un volo giornaliero a volo penta – settimanale. Incredibile. 
 
Il tutto non è ipotesi di FlyComiso, ma è tranquillamente rilevabile dal sito ufficiale della compagnia e noi non possiamo far altro che notarlo e riportarlo con tanta amarezza e sconforto. Adesso, vedendo il grandissimo impegno dei maltesi di AirMalta, che ci credono davvero, dovrebbero andare a sopperire a tutte le carenze che gli irlandesi creeranno e dare speranza a questa struttura e al territorio che pure per ora, si lamenta ma concretamente, poco fa. 
 
E come non ricordare Alitalia? L'ex compagnia di bandiera, che verrà probabilmente interamente rilevata da una cordata formata da EasyJet, AirFrance e un fondo americano Cerberus, per l'estate 2018 ha ritardato l'inizio dei voli da Milano Linate a Comiso anche se opererà con aerei più capienti. Bella favola era anche il volo da/per Roma Fiumicino sempre di Alitalia che consentiva, con un unico biglietto, di raggiungere tutto il mondo e che ebbe grossi incrementi con ottimi load factor in piena estate. Fine della storia, pure quella.  
 
Nel frattempo però ci auguriamo che nulla di questi piani incredibilmente strani si concretizzi davvero e che ci sia ancora margine per risolvere la questione, certi che i vertici Soaco si stiano impegnando in prima linea per il bene dello scalo e del territorio poiché se questa è la strada imboccata da Ryanair, sarà per forza presto o tardi, una strada senza uscita. 
 
 


0 commenti:

Posta un commento